Chi Sono

Qualcosa su di me

Faccio musica da quando ero bambino dato che sono cresciuto in una casa in cui c'erano diversi strumenti. Ho iniziato gli studi musicali molto presto e a 11 anni sono entrato in Conservatorio. Il primo basso l'ho imbracciato a 14 anni. A 16 ho iniziato a studiare il Contrabbasso con il celebre Franco Petracchi. Durante la mia carriera ho avuto la fortuna di suonare in moltissime situazioni musicali di vario genere. Ho inizato dalle band liceali nelle cantine suonando Funk, Soul e Pop; ho militato in gruppi Jazz, dal Trio alla big band; ho svolto una prestigiosa e lunga carriera nella Classica. Mi sono sempre divertito a suonare, in ogni contesto. Ora, tutte le mie varie esperienze artistiche confluiscono nel progetto SOLO BASS PERFORMANCE.

Curriculum sintetico

Claudio Campadello bassista, contrabbassista. Allievo di Franco Petracchi. Svolge in conservatorio i suoi studi sia Accademici sia Jazz, poi presso la scuola di Fiesole, l’Accademia Stauffer di Cremona, i seminari di Siena Jazz. Fino a 21 anni effettua tour con cantanti Pop e in varie formazioni Jazz. A 22 anni supera audizioni e concorsi in ambito Classico ed inizia l’attività in orchestre sinfoniche e da camera. Suona per il teatro Petruzzelli di Bari, per le Orchestre RAI “Scarlatti” di Napoli e RAI sinfonica di Roma, per l’“Accademia Nazionale di S. Cecilia”. Collabora con gruppi da camera tra cui “Roma Sinfonietta”,  ”Camerata Strumentale di Napoli”, con i quali effettua prestigiose tournè in Italia e all’estero. Con il gruppo “Musica d’Oggi” prende parte ad una intensa attività nell’ambito della musica Contemporanea, partecipando ad incisioni e a prime esecuzioni. E' stato 1° contrabbasso per la Sinfonica Calabrese, l’Orchestra Internazionale d’Italia, i “Filarmonici di Roma”. Dal 1998 al 2004 partecipa alle registrazione delle colonne sonore di Ennio Morricone. 

Nomi noti con cui ha suonato sono: Daniel Oren, Giuseppe Sinopoli, Lorin Maazel, Gustave Pretre, Bruno Canino, Uto Ughi, Salvatore Accardo, Garrison Fewell, Rosario Giuliani, Dan Moretti, Ellade Bandini, Massimo Manzi, Lucrezio De Seta, Loretta Goggi, Marco Ferradini, Max Gazzè.

Nel 1999 inizia a sviluppare sul Basso la tecnica per suonare contemporaneamente armonia, melodia, ritmo. Approccio del tutto familiare ai chitarristi e ai pianisti ma non ai bassisti. Per questo progetto conia la locuzione "Basso Polifonico". Nel 2004 esce l'album "Zone Remote" che racchiude la sua prima fase di ricerca polifonica sul Basso. 

Nel suo SOLO BASS SHOW esegue Suite di J. S. Bach, capricci di Paganini, suoi brani originali, trascrizioni e arrangiamenti di Jazz Standard e Pop Songs prediligendo le composizioni di Pino Daniele.

E' docente presso il Conservatorio “G. Rossini”  di Pesaro. 

Curriculum esteso

Campas Claudio Campadello bassista e contrabbassista. Napoletano di nascita, inizia da bambino i primi approcci con gli strumenti presenti in casa, un pianoforte e una vecchia chitarra. A 11 anni inizia gli studi musicali in conservatorio frequentando il corso di chitarra. Nello stesso periodo, inconsapevolmente ed istintivamente tende a suonare la chitarra come se fosse un basso, utilizzandone prevalentemente le corde gravi. A 14 anni mette le mani, per la prima volta, su un vero basso, un Fender Precision. A 15/16 anni intraprende lo studio del contrabbasso sotto la guida prestigiosa di Franco Petracchi con il quale continua gli studi a Fiesole e all'Accademia Walter Stauffer di Cremona. Alla sua formazione hanno contribuito il M° Piero Cardarelli e il jazzista M° Gerardo Iacoucci
 
Durante il periodo dedicato agli studi accademici, continua parallelamente l'attività con il basso elettrico, sia nell’ambito della musica Pop-Blues- Soul, con proprie formazioni e accompagnando nelle tournèe estive noti cantanti del panorama pop di quegli anni, sia in ambito Jazz con formazioni che vanno dal Trio alla Big-band al coro gospel.
 
A 22 anni, vincendo audizioni e concorsi per contrabbasso, inizia l’attività professionale nella musica Classica che lo porterà a suonare nei più prestigiosi teatri e auditori Italiani ed Europei. Ha suonato nelle seguenti orchestre: “Teatro Petruzzelli” di Bari, “Orchestra Giovanile Italiana”, “Orchestra Scarlatti” della RAI di Napoli, “Orchestra Sinfonica della Rai” di Roma, “Orchestra Nazionale Accademia di S. Cecilia” di Roma.
Collabora con gruppi da Camera tra cui "Roma Sinfonietta", "Gruppo Musica d'Oggi", “Gruppo da Camera dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia”, "Camerata Strumentale di Napoli", il gruppo da Camera "G. Petrassi", ensamble del paese natale del compositore. Con il gruppo "Musica d'Oggi" prende parte ad una intensa attività nell'ambito della musica contemporanea, partecipando ad incisioni e a prime esecuzioni.
Tra il 1994 e il 1997 ricopre ruoli come 1° contrabbasso nell'Orchestra del festival lirico di Massa Marittima, nell'Orchestra Sinfonica Calabrese, nell'Orchestra Internazionale d'Italia,  e nei "Filarmonici di Roma" al Teatro Nazionale di Zagabria.
Ha tenuto recital solistici con il Duo Contrabbasso e Pianoforte. L'ultimo nel 2004 al teatro Comunale di Ferrara.
 
Tra il 1995 e il 2002 partecipa a molte sedute di registrazione presso gli studi Forum di Roma, gran parte delle quali dedicate alle colonne sonore di Ennio Morricone.
 
In qualità di orchestrale ha collaborato con prestigiosi direttori, tra i quali: Daniel Oren, Giuseppe Sinopoli, Lorin Maazel, Gustave Pretre, Karl Martin, Piero Bellugi, Franco Petracchi.
Nella musica da Camera ha collaborato con: Salvatore Accardo, Rocco Filippini, Gary Karr, Antonio Salvatore, Reiner Kusmaul, 1° violino dei Berliner Philarmonicher, Bruno Canino, Katia Ricciarelli ed altri.
 
Numerose sono state anche le collaborazioni Jazz con nomi del panorama nazionale: Gerardo Iacoucci, Sal Nistico, Mauro Zazzarini, Giampaolo Ascolese, Rosario Giuliani, Cicci Santucci, Andrea Beneventano, Paolo Tombolesi, Garrison Fewell, Ellade Bandini, Teo Ciavarella, .
 
Nel 1999 e nel 2000 è bassista/contrabbassista nella band del Musical “Hello Dolly” con Loretta Goggi e Paolo Ferrari, in centinaia di repliche tra il Teatro di Trieste, il Palavobis di Milano e il Sistina di Roma; uno dei primi allestimenti che aprirono la fortunata stagione Italiana del Musical.
Nel 2003 fonda il POLYBASS TRIO, formazione jazzistica per la quale scrive brani originali e arrangiamenti con la finalità di esplorare e mettere in risalto le potenzialità del basso elettrico nei suo aspetti armonici e polifonici.
Nel 2008, con la violoncellista Luisella Ghirello, mette a punto un programma concertistico di musica Classica, Romantica e Moderna per Duo violoncello e basso. Questo Duo incide il cd “It’s time too…” nel 2011.
Dal 2009 collabora con l’originale e prestigioso quartetto Crossover “Duo + 2 Quartet”, ideato da Sandro e Fabio Gemmiti, con il quale effettuano regolarmente concerti in Italia, Francia, Spagna, Belgio.
La casa editrice Carisch ha pubblicato la trascrizione della sua esecuzione per Basso Solo, del brano Birdland, registrato con il batterista Lucrezio de Seta per il cd “Zone Remote” del 2003. Nel 2011 Pubblica i testi per basso elettrico “Scale e Sviluppi” e “Triadi e Sviluppi”.

Tra il 2004 e il 2010 abbandona gradualmente l'attività artistica con il Contrabbasso (pur mantenendo la parte didattica) per dedicarsi esclusivamente al progetto "CLASSICAL SOLO BASS PERFORMANCE". 
 
Un ambizioso progetto di Campas Claudio Campadello consiste nel rendere il basso elettrico uno strumento “Accademico”, oggetto d’interesse anche per la musica “colta”, portandolo nelle sale da concerto e stimolando i compositori a scriverne apposite partiture.
 
Dedica attenzioni ed energie all'attività didattica insegnando contrabbasso e basso elettrico. Attività che svolge in conservatorio dal 1995.